Commenti

Nessun commento
Commenta per primo
Torna alla lista

Tignale - Lago di Garda

Tignale BS Lombardia


Tignale

L'antico Viniale, composto da sei villaggi di Gardola, Rain, Prabione, Aer, e Oldesio Olzano, tutti tra i 500 ei 600 metri sul livello del mare, deve il suo vivo passato storico e la sua reputazione internazionale, la scelta naturale reale scelta che vuole completare la dominazione

Dell'intero Garda, da Torbole a Desenzano. Il lago, le colline e le montagne caratterizzano la geografia dei luoghi e offrono uno scenario magnifico: da una parte la robusta gola del fiume San Michele, le altre caratteristiche terrazze che si estendono da Pioggia a Oldesio, piantate di alberi, sotto, sulle scogliere che si affacciano sul Acqua, cespugli di quercia; Prati interni, foreste, ampie valli.

Tignale ha avuto una storia avventurosa e spesso ha resistito, a causa dell'importante importanza strategica della posizione.

Gli eventi secolari che hanno afflitto la sua storia sono centrati sulle mutevoli fortune del santuario di Nostra Signora di Montecastello, testimoni e protagonisti.

Dopo i primi abitanti di Cenomani Gauls, i Romani si unirono per l'alto livello di Brescia. Nel quarto secolo AD Tignale ebbe anche il Vescovo Vigilio per il servizio dell'evangelizzazione: i Tignalesi, diventati cristiani, iniziano probabilmente il monumento più importante di Tignale e uno dei più pittoreschi dell'Italia settentrionale, il Santuario di Nostra Signora Stella di Montecastello o Madonna, che è la prima testimonianza sicura del 802: secondo la tradizione è stata costruita sul tempio di Bergimo, il dio pagano del Benacense occidentale.

Attorno al santuario durante le invasioni ungheresi, le fortificazioni benacense praticamente impenetrabili costruite dalla natura dei luoghi. Nel 1278 Tignale passò sotto Alberto Count Auspurus che fornì per rafforzare le fortificazioni esistenti, venduto nel 1349 a Scala di Verona da Giovanni III, vescovo di Trento.

Anche i nuovi maestri hanno permesso di proseguire il lavoro di rafforzamento della fortezza. La tradizione locale, fortemente antiscaligera, vuole che i gentiluomini di Verona, spaventatii della popolazione, preferiscano raggiungere l'altezza della scogliera dalla striscia di spiaggia oggi chiamata "Giardino della fame", usando una grande corda fissata a forti anelli di ferro attaccati scogliera. Nell'agosto del 1426 Tignale si arrese ai veneziani, in cambio dell'autonomia amministrativa, con i suoi statuti, quasi come una terra separata dal resto della Magnifica Patria.



Scarica qui la guida completa sul Lago di Enrico Massetti

Video di Tignale dell Proloco Tignale